Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

Fornitori di protesi, chirurghi ortopedici ed ospedali: un’evidenza empirica dagli USA [a cura del CREMS]. Sanità Pubblica e Privata 2009(3):57–60. 
Added by: Silvia Sferrazza (04/08/2010 18:10:52)   Last edited by: Silvia Sferrazza (06/08/2010 16:25:15)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: anon2009y
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Economia sanitaria
Sottocategorie: Contabilità generale
Keywords: Controllo di gestione
Collezione: Sanità Pubblica e Privata
Visualizzazioni: 14/1187
Indice di Visite: 13%
Indice di Popolarità: 3.25%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall’articolo).
In questo numero della rivista, la rubrica “Management Pills” è utilizzata per offrire ai lettori i punti salienti di un originale contributo pubblicato sul numero di gennaio/marzo 2009 della rivista americana Health Care Management Review dal titolo “Implant vendors and hospitals: Competing influences over product choice by orthopedic surgeons” a cura di Burns et al. Alla luce della stringente necessità da parte degli ospedali americani di razionalizzare la spesa per dispositivi medici, all’interno della quale un peso rilevante è occupato proprio dalle protesi ortopediche, l’articolo, attraverso un approccio empirico, misura l’allineamento percepito dai chirurghi ortopedici agli interessi dei venditori di protesi, che cercano appunto di convincere i medesimi ad adottare i loro prodotti, nonché quello agli interessi degli ospedali, che si stanno adoperando per coinvolgere i medici in politiche di razionalizzazione della spesa che passano attraverso la riduzione del numero di venditori e il contenimento dei costi per le protesi. L’indagine si è rivolta a tutti i chirurghi ortopedici operanti in Pennsylvania con una casistica procapite di almeno 12 impianti ortopedici annui. I risultati tendenzialmente contro intuitivi a cui giungono gli autori, rendono lo studio assolutamente degno di nota, anche perché la realtà descritta, con le dovute proporzioni, potrebbe trovare analogie e conferme anche nel contesto italiano.
Added by: Silvia Sferrazza  Last edited by: Silvia Sferrazza