Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

De Matteis Francesca, Ariotti Maria Chiara, Gastaldo Luca, Urbino Antonio. L’accesso intraosseo: analisi dei bisogni formativi degli infermieri di un dipartimento d’emergenza pediatrico. Scenario 2014;31(3):42–47. 
Added by: Paola Cortesini (28/01/2015 17:27:37)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: DeMatteis2014
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Gruppi occupazionali, Infermieristica clinica, Infermieristica specialistica, Metodologia dell'assistenza infermieristica, Scienze della formazione
Sottocategorie: Infermieri, Infermieristica in area critica, Infermieristica in area critica, Infermieristica in pediatria, Percorso diagnostico-terapeutico ass. (PDTA), Valutazione infermieristica
Keywords: Dipartim. di emergenza e accettazione (DEA), Infermieri pediatrici, Procedure diagnostiche, Procedure terapeutiche
Autori: Ariotti, De Matteis, Gastaldo, Urbino
Collezione: Scenario
Visualizzazioni: 1/1324
Indice di Visite: 19%
Indice di Popolarità: 4.75%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall’articolo).
Introduzione: esistono dubbi sul fatto che il personale infermieristico che lavora in area critica sia realmente pronto all’uso dell’accesso intraosseo (IO).
Obiettivo dello studio è comprendere quale sia la percezione dello staff infermieristico del Dipartimento Emergenza Accettazione (DEA) dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, circa la preparazione in materia di accesso IO, rilevandone i bisogni formativi.
Materiali e metodi: è stato distribuito un questionario, creato ad hoc, di 16 domande suddivise in 4 aree tematiche.
Risultati: alla ricerca ha partecipato l’82% dello staff infermieristico. Il 59% ha ricevuto formazione sull’accesso IO, la maggior parte durante il corso PALS (Paediatric Advanced Life Support). Il 76,2% si assegna un punteggio compreso fra 1 e 4 (punteggio massimo 10) nell’inserire autonomamente l’accesso IO. Il 56,5% si assegna un punteggio tra 1 e 4 nel gestirlo e nel riconoscere segni e sintomi di complicanze. L’80% chiede formazione per se stessi. Le modalità di training preferite sono l’esercitazione applicativa, il workshop e la simulazione.
Discussione: pur avendo già ricevuto formazione sull’IO, il personale non sente di avere una preparazione adeguata. Tuttavia la formazione, da sola, non basta: bisogna considerare il bagaglio di esperienze lavorative, la sicurezza acquisita da ciascuno nonché la sperimentazione sul campo.
Conclusioni: oltre alla formazione è necessario pensare e mettere in atto nuove strategie per il mantenimento delle conoscenze e delle abilità specifiche sull’IO.
Parole chiave: Accesso intraosseo pediatrico, Bisogni formativi, Infermieri.
Added by: Paola Cortesini