Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

Cholewa Agnieszka Katarzyna, Lucchini Alberto, Caruso Christian, Bambi Stefano. Problemi aperti nel passaggio del paziente tra la terapia intensiva e la terapia subintensiva: gestione del setting, vie aeree, respiro e circolo. Scenario 2017;34(3):12–17. 
Added by: Simone Ciucciarelli (13/12/2018 11:00:11)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: Cholewa2017
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Infermieristica clinica, Infermieristica specialistica
Sottocategorie: Infermieristica in area critica, Respirazione
Keywords: Effetti collaterali, Terapia intensiva, Ventilazione assistita
Autori: Bambi, Caruso, Cholewa, Lucchini
Collezione: Scenario
Visualizzazioni: 4/1053
Indice di Visite: 31%
Indice di Popolarità: 7.75%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall'articolo).
I pazienti sopravvissuti al ricovero in terapia intensiva (ICU) necessitano di periodi di degenza talvolta anche lunghi, in contesti di cura a ridotta intensità, ma caratterizzati da livelli di assistenza intermedi rispetto alle degenze ordinarie: le terapie subintensive (HDU). Le HDU consentono di mantenere un certo grado di monitoraggio strumentale e offrono un livello di assistenza adeguato ai bisogni di pazienti con insufficienze monoorgano o con importante rischio di deterioramento clinico. Il momento della dimissione e del trasferimento del paziente dalla ICU alla HDU diventa quindi un elemento critico, perché richiede di fare il punto sul percorso di cura e assistenza del paziente nelle fasi iperacute e critiche della malattia e una presa in carico globale con particolare attenzione a focalizzare il nursing sulla prevenzione delle complicanze, e sul percorso di downgrade rispetto agli accessori e dispositivi invasivi diagnostici e terapeutici. Particolarmente sensibili, perché a rischio di compromissione degli esiti (lunghezza di degenza, e in alcuni casi, mortalità) sono la gestione dei device invasivi ancora in sede nel in fase di stepdown. In particolare, diventa critico focalizzare il nursing sulle potenziali complicanze del paziente in uscita dalla ICU legate alle vie aeree (particolarmente alla tracheostomia), al respiro (ossigenoterapia e ventilazione non invasiva), al circolo (devices intravascolari) e sulla gestione necessaria al mantenimento dei dispositivi relativi alla cura e assistenza di queste funzioni nel lungo periodo.
Added by: Simone Ciucciarelli  Last edited by: Simone Ciucciarelli