Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

Cholewa Agnieszka Katarzyna, Lucchini Alberto, Caruso Christian, Bambi Stefano. Problemi aperti nel passaggio del paziente tra la terapia intensiva e la terapia sub intensiva: gestione dei problemi neurologici, della nutrizione enterale, dell'eliminazione, del rischio di cadute e di trasmissione crociata delle infezioni. Scenario 2017;34(4):16–21. 
Added by: Simone Ciucciarelli (02/01/2019 10:26:04)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: Cholewa2017a
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Etica, Igiene, Infermieristica clinica, Infermieristica specialistica
Sottocategorie: Eliminazione, Igiene e tecnica ospedaliera, Infermieristica in area critica, Rapporto infermiere-paziente
Keywords: Cadute, Cateterismo vescicale, Contenzione, Effetti collaterali, Infezioni correlate all'assistenza, Nutrizione artificiale, Terapia intensiva
Autori: Bambi, Caruso, Cholewa, Lucchini
Collezione: Scenario
Visualizzazioni: 5/1217
Indice di Visite: 35%
Indice di Popolarità: 8.75%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall'articolo).
Il paziente in fase di dimissione dalla terapia intensiva (intensive care unit – ICU) è degno di particolari attenzioni da parte delle cure mediche ed infermieristiche, perché a rischio di ricadute non soltanto dovute alle eventuali evoluzioni negative della malattia principale e di eventuali complicanze correlate, ma anche per tutte le possibili complicanze di origine iatrogenica, che sono imputabili alla gestione di aspetti legati al mantenimento delle funzioni fisiologiche del paziente e dei dispositivi di cura ed assistenza. La panoramica offerta da questo articolo sede prevede valutazioni e interventi legati a: gestione dello stato neurologico, drenaggi, nutrizione ed eliminazione. A questi si aggiungono, gli interventi di riabilitazione precoce, la gestione e controllo delle infezioni. Particolarmente sensibili, perché a rischio di compromissione degli esiti (lunghezza di degenza, e in alcuni casi, mortalità) delle alterazioni cognitive, delle contenzioni (e aggressività), e del rischio di cadute. Essenziale è la continuità degli interventi di mobilizzazione precoce che trovano il loro momento iniziale nell’ABCDE bundle in ICU, e che comunque sembrano esser caratterizzati da bassa incidenza di eventi avversi. Rimangono aperti gli argomenti legati alla patient & family centered care, che potrebbe consentire, se adeguatamente implementata, di coinvolgere maggiormente i familiari nell’assistenza ai propri cari, e la multidisciplinarietà del team di cura e assistenza.
Added by: Simone Ciucciarelli  Last edited by: Simone Ciucciarelli