Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

WIKINDX Resources  

Casalanguida Sara, Casalanguida Rita, Gantar Monica, Sanson Gianfranco. La “fragilità” come fattore predittivo degli esiti conseguenti al ricovero in un reparto semintensivo. Uno studio pilota. Scenario 2016;33(3):4–14. 
Added by: Daniela Forte (3/3/19, 5:15 PM)   
Resource type: Journal Article
BibTeX citation key: Casalanguida2016
View all bibliographic details
Categories: Infermieristica specialistica, Metodologia dell'assistenza infermieristica, Metodologia della ricerca
Subcategories: Infermieristica in geriatria, Strumenti di rilevazione dati, Valutazione infermieristica
Keywords: Anziano fragile, Geriatria, Terapia intensiva
Creators: Casalanguida, Casalanguida, Gantar, Sanson
Publisher:
Collection: Scenario
Views: 26/721
Attachments  
Abstract

(Trascritto dall’articolo).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Obiettivo: i soggetti fragili che subiscono un evento critico sono a elevato rischio di esiti avversi anche quando sopravvivono al ricovero. In ambito critico la condizione di fragilità viene raramente diagnosticata. L’obiettivo dello studio è di analizzare gli esiti del ricovero in una struttura semintensiva in una popolazione di pazienti fragili e identificare le variabili predittive di esito avverso. Materiali e metodi: studio pilota con disegno prospettico longitudinale effettuato in una Medicina d’Urgenza. Sono state documentate mortalità, durata della degenza, variazioni nello stato funzionale e nella qualità percepita della vita. Risultati: sono stati arruolati 76 pazienti (età media 77,8 anni). La degenza media è stata di 18,5 giorni, la mortalità a 30 giorni il 39,5%. Rispetto alla situazione pre-ricovero, nelle persone dimesse sono state documentate riduzioni significative nel livello di autonomia, qualità della vita e probabilità di sopravvivenza a un anno. Una percentuale significativa di persone non è rientrata al domicilio ma è stata trasferita in strutture socio-assistenziali. L’analisi multivariata ha evidenziato un rischio di morte a 30 giorni più elevato nei soggetti con una percezione di un più basso livello della qualità della vita antecedente l’evento acuto. Discussione: per i pazienti arruolati, il percorso nel reparto semintensivo si è associato a elevata mortalità, riduzione delle capacità funzionali e peggioramento della qualità della vita. La preesistente condizione di fragilità ha costituito un determinante indipendente di esito avverso. Conclusioni: nel ricoverare una persona fragile in strutture semi-intensive, il mantenimento dell'autonomia e della capacità della vita pre-ammissione dovrebbero essere ritenuti esiti strategici da perseguire al pari del superamento della fase acuta e indurre a modulare l'aggressività del trattamento. E’ necessario progettare uno studio più ampio e multicentrico per identificare la prevalenza della fragilità nel malato critico in setting semi intensivi e i fattori predittivi degli esiti a medio e lungo termine del trattamento.


  
WIKINDX 6.7.0 | Total resources: 8268 | Username: -- | Bibliography: WIKINDX Master Bibliography | Style: British Medical Journal (BMJ)