Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

WIKINDX Resources  

Dante Angelo, Marega Michela, Peteani Adriano, Checchi Adriana, Lancia Loreto. Che cosa gli infermieri vedono? Frequenza e tipologia degli sprechi in area medica e chirurgica: studio cross-sectional. Professioni infermieristiche 2016;69(4):225–236. 
Added by: Tania Diottasi (9/15/19, 6:03 PM)   
Resource type: Journal Article
BibTeX citation key: Angelo2016
View all bibliographic details
Categories: Economia sanitaria, Etica, Gruppi occupazionali, Management
Subcategories: Allocazione delle risorse, Infermieri, Organizzazione del lavoro
Creators: Checchi, Dante, Lancia, Marega, Peteani
Publisher:
Collection: Professioni infermieristiche
Views: 36/692
Attachments  
Abstract
(Trascritto dall'articolo).

Scopo. Documentare la frequenza e la tipologia degli sprechi nella pratica clinica infermieristica nonché le differenze tra l’area medica e chirurgica.

Metodo. È stato condotto uno studio cross-sectional in un’azienda sanitaria del nord Italia. La raccolta dati, condotta su 100 infermieri nel settembre 2015, è stata effettuata con un questionario semi-strutturato costituito da 56 item suddivisi in 8 dimensioni di spreco (sovrapproduzione/sottoutilizzo, attese, scorte, processo, disservizi ed errori, trasporto materiali e flussi informativi, movimenti, dispersione delle conoscenze).

Risultati. Nella settimana lavorativa sono stati segnalati 2028 sprechi, con una media di 20.2 ±9.2 infermiere. Settecentocinquantanove (37.4%) di essi si sono verificati in area medica, mentre 1269 (63.6%) in area chirurgica. Nella dimensione “processo” si è verificato il maggior numero di sprechi (398; 19.6%). Nelle diverse dimensioni le principali tipologie di spreco sono state: l’uso improprio di energia (30.0%), l’attesa del medico (17.1%), la carenza di materiali (33.1%), l’eccesso di risorse umane distribuite in modo non ottimale (31.8%), la disponibilità di risorse umane inferiore alle esigenze organizzative (22.4%), le prescrizioni terapeutiche incomprensibili e/o incomplete da parte del medico (22.6%), la ricerca di presidi in magazzini lontani o esterni al reparto (23.9%), il trasferimento di utenti da un reparto ad un altro (30.0%) e la ridotta applicazione delle evidenze scientifiche nella pratica clinica (51.7%). Non sono emerse differenze significative tra le due aree cliniche indagate (p-value = 0.480).

Conclusioni. Lo studio rappresenta un contribuito al dibattito nazionale sul fenomeno degli sprechi in ambito sanitario e fornisce utili spunti di riflessione sulle possibili strategie di contenimento.


  
WIKINDX 6.7.0 | Total resources: 8237 | Username: -- | Bibliography: WIKINDX Master Bibliography | Style: British Medical Journal (BMJ)