Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

Assembergs Peter, Bertolaia Patrizia, Bracchi Gianluca, Bruno Walter, Croce Davide, Croce Edoardo, et al. Il valore della comunicazione in tempi di Covid e non. Sanità Pubblica e Privata 2021;40(3):53–57. 
Added by: Fernando Barberini (24/09/2021 18:07:37)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: Assembergs2021
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Management, Scienze dell'informazione
Sottocategorie: Informatica, Internet, Sistema informativo, Strumenti informativi
Keywords: Comunicazione équipe, Documentazione elettronica
Autori: Assembergs, Bertolaia, Bracchi, Bruno, Croce, Croce, De Vitis, Dell'Acqua, Gioia, Laurelli, Lembo, Lombardo, Lucchina, Mazzoleni, Milella, Palazzo, Passaretta, Perotti, Polito, Saporito
Collezione: Sanità Pubblica e Privata
Visualizzazioni: 2/342
Indice di Visite: 29%
Indice di Popolarità: 7.25%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall'articolo).
Associare una sola parola al 2020 risulta estremamente facile: Covid. L’anno che ha tenuto il mondo in ostaggio della pandemia (Valesini, 2020) ha visto “Coronavirus” come parola maggiormente ricercata dagli utenti italiani su Google (Google Trends, 2021). E non stupisce che altre sei all’interno della top-ten siano direttamente o indirettamente collegate allo stato di pandemia in corso (e.g. “Classroom”, “Nuovo Dpcm”, “Contagi”). Da una ricerca condotta dal Centro sull’Economia e il Management nella Sanità e nel Sociale della LIUC Business School (Croce et al., 2021) è emerso come i ricoveri per Covid-19 rappresentino una percentuale limitata rispetto al totale, ovvero circa il 5% dei ricoveri registrati nel 2020. Contemporaneamente, però, la diminuzione dei ricoveri ordinari in Italia si è attestata intorno al 24%, per gli accessi al Pronto Soccorso si è stimata una riduzione del 36% e, se si parla di specialistica ambulatoriale, il calo è di quasi il 29%. Basandosi sulla percezione da parte dei cittadini, però, ci si accorge come l’impatto effettivo della pandemia sulle nostre strutture sanitarie sia poco chiaro e, soprattutto, non compreso. A cosa è dovuta tanta confusione relativa all’effettivo impatto del Covid-19? Una delle risposte più ragionevoli che si possono fornire è la mancanza di voci identificate a livello istituzionale, supportate dal mondo scientifico e riconosciute quindi come autorevoli anche da parte di chi ha direttamente vissuto e lavorato per la lotta all’emergenza pandemica. In Italia, difatti, non vi è stata chiarezza sugli interlocutori comunicativi nei confronti dei cittadini, bensì si sono alternate voci dai più eterogenei attori del panorama sanitario. Troppi comunicatori e poca omogeneità di messaggi. Le Aziende Sanitarie avrebbero dovuto rendere disponibili sui loro canali di comunicazione tutte le informazioni necessarie per la popolazione di riferimento, cercando di mettere a frutto il radicamento territoriale e la credibilità dei propri professionisti.