Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

Peron Paolo. La scelta del metodo per la misurazione della temperatura corporea nel paziente ricoverato in terapia intensiva: una revisione della letteratura. Professioni infermieristiche 2010;63(2):99–105. 
Added by: Tania Diottasi (21/03/2011 10:59:02)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: Peron2010
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Infermieristica clinica, Infermieristica specialistica
Sottocategorie: Infermieristica in area critica, Omeostasi, Percorso diagnostico-terapeutico ass. (PDTA)
Keywords: Procedure assistenziali, Temperatura corporea, Terapia intensiva
Autori: Peron
Collezione: Professioni infermieristiche
Visualizzazioni: 1/1755
Indice di Visite: 17%
Indice di Popolarità: 4.25%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall’articolo).
Introduzione: la misurazione della temperatura corporea nel paziente di terapia intensiva è parte dell’assistenza infermieristica di routine e, il dato ottenuto, è discriminante per numerose scelte diagnostiche e terapeutiche.
Scopo: l’obiettivo di questo scritto è capire se esiste un metodo più adatto di altri da usare e consigliare nel paziente critico e conoscere le caratteristiche che fanno di tale strumento una sicurezza assistenziale.
Metodi: partendo dalla ricerca bibliografica effettuata su banche dati on line come Medline, Cochrane o Cinahl, sono stati selezionati e revisionati gli articoli pertinenti all’argomento rispettanti i criteri di inclusione prefissati.
Risultati: da molti anni diverse unità operative intensive hanno prodotto lavori riguardanti la scelta del metodo per il monitoraggio della temperatura corporea andando ad analizzare l’accuratezza e precisione dei presidi invasivi e non.
Conclusioni: la letteratura è concorde nel ritenere la temperatura rilevata in arteria polmonare, femorale, o brachiale il gold standard; non si esprime invece in modo del tutto unanime sulla scelta da fare in sua assenza: E’ supportato l’utilizzo, come prima alternativa, del catetere vescicale con sonda termica, in seconda istanza il termometro elettronico orale e quello timpanico. Non è invece raccomandato l’utilizzo del termometro a mercurio. Ulteriori studi sono comunque necessari per confermare quello che per ora è solo un consiglio per la pratica clinica assistenziale.
Added by: Tania Diottasi