Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

Risorse di WIKINDX

Dragonetti Antonella, D'Orazio Alessia, Garripoli Giuseppina. La qualità del sonno in area critica. Studio prospettico. Scenario 2017;34(3):4–11. 
Added by: Simone Ciucciarelli (13/12/2018 10:53:56)
Tipo di Risorsa: Articolo di Rivista
Chiave di citazione BibTeX: Dragonetti2017
Invia la risorsa per email ad un amico
Categorie: Farmacologia, Infermieristica clinica, Infermieristica specialistica
Sottocategorie: Infermieristica in area critica, Riposo e sonno
Keywords: Disturbi del sonno, Effetti collaterali, Ritmi circadiani, Terapia intensiva
Autori: D'Orazio, Dragonetti, Garripoli
Collezione: Scenario
Visualizzazioni: 2/1058
Indice di Visite: 31%
Indice di Popolarità: 7.75%
Allegati    
Abstract     
(Trascritto dall'articolo).
Introduzione: i pazienti ricoverati in reparti ad alta intensità di cura hanno dimostrato un’alterata fisiologia del sonno con una maggiore frammentazione e diminuzione del tempo totale. L’accertamento e la promozione del sonno devono essere parte dell’assistenza infermieristica.
Materiali e metodi: studio osservazionale prospettico pre post. Sono stati arruolati tutti i pazienti ammessi nella medicina d’urgenza terapia subintensiva dal 1 gennaio al 31 agosto 2015. Lo studio è stato sviluppato in tre fasi. Nella prima fase il questionario è stato somministrato a tutti i pazienti ricoverati. Nella seconda fase sono stati messi in atto alcuni interventi atti a favorire il riposo notturno. Nella terza fase è stato somministrato il questionario ad un secondo gruppo di pazienti per valutare gli effetti degli interventi.
Obiettivo: descrivere la qualità del sonno delle persone assistite in seguito all’attuazione di interventi specifici per favorire il riposo notturno.
Risultati: sono stati intervistati 100 pazienti, con un’età media di 68.5 (±11,2) anni. Sono pazienti ad alta instabilità clinica (SAPS >26). Il gruppo pre e post non hanno mostrato differenze significative rispetto a genere, età, SAPS e giornate di degenza. Le cause dell’interruzione del sonno sono multifattoriali. Vengono indagati 13 fattori e per 10 di essi, dopo la messa in atto degli interventi specifici, si evidenzia una riduzione della percezione come elemento disturbante con un p-value statisticamente significativo.
Conclusioni: lo studio ha descritto la qualità del sonno delle persone degenti e dimostrato come, con interventi mirati, si possa modificare la percezione di alcuni fattori che alterano il riposo notturno.
Added by: Simone Ciucciarelli  Last edited by: Simone Ciucciarelli