Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

WIKINDX Resources  

Cavallo Sara, Vola Letizia Maria, Daniele Giovanna. Istituto a custodia attenuata: bisogni assistenziali delle detenute madri con figli minori. NEU 2019;38(1):33–39. 
Added by: Fernando Barberini (10/1/20, 7:03 PM)   Last edited by: Fernando Barberini (10/1/20, 7:08 PM)
Resource type: Journal Article
BibTeX citation key: Cavallo2019
View all bibliographic details
Categories: Infermieristica di comunità, Management
Subcategories: Formazione del personale, Infermieristica penitenziaria
Keywords: Gravidanza, Infermieri pediatrici
Creators: Cavallo, Daniele, Vola
Publisher:
Collection: NEU
Views: 40/619
Attachments  
Abstract
(Trascritto dall'articolo).
I detenuti hanno diritto alla salute come qualsiasi persona che si trova all’esterno del carcere. Purtroppo l’ambiente penitenziario non sempre garantisce la salubrità degli ambienti e delle persone. In Italia, le donne detenute costituiscono il 4,3% della popolazione carceraria e si stima che il 6-10% di queste siano gravide al momento dell’accesso in istituto. Con la legge 62 del 21 aprile 2011 nascono gli Istituti a custodia attenuata per detenute madri (ICAM). Attualmente in Italia ne sono presenti 5. Obiettivo di questo lavoro è identificare i bisogni assistenziali delle detenute madri e dei loro figli negli ICAM e individuare il contributo dell’infermiere. Sono state eseguite ricerche bibliografiche sulle banche dati, attuate interviste a medici e infermieri sul campo. Sono state consultate le cartelle cliniche delle madri e dei residenti all’interno della struttura ICAM. Attraverso le banche dati e la consultazione delle cartelle cliniche sono stati individuati i problemi di salute maggiormente presenti tra le madri, i problemi linguistico-cognitivi dei bambini e i loro svariati accessi al Pronto Soccorso. Tramite le interviste si sono potute ricevere informazioni sull’aspetto strutturale, organizzativo e giudiziario del carcere, le attività svolte dagli infermieri e anche fare il punto sulle loro riflessioni riguardanti l’esercizio professionale. E’ stato possibile inoltre capire quale tipo di formazione venisse data alle figure professionali operanti. La struttura ICAM aiuta le madri detenute a gestire in modo migliore il loro ruolo e a vivere in ambienti più salubri rispetto al carcere. E’ necessario potenziare il reinserimento sociale delle madri detenute fornendo loro formazione professionale utile per inserirsi nel mondo lavorativo. E’ fondamentale, inoltre, offrire prospettive future più concrete per i loro bambini. Infine, gli operatori devono ricevere formazione specifica in ambito pedagogico e transculturale.

 


  
WIKINDX 6.7.0 | Total resources: 8237 | Username: -- | Bibliography: WIKINDX Master Bibliography | Style: British Medical Journal (BMJ)