Indice della
Letteratura Italiana di Scienze Infermieristiche

[banca dati bibliografica]
       
Progetto realizzato e curato dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma

WIKINDX Resources  

Badolamenti Sondra, Borghesi Cristina. I diversi livelli di assistenza nel parto anonimo: Il ruolo del professionista sanitario. Infermiere Oggi 2015;25(2):20–28. 
Added by: admin (7/22/21, 2:04 PM)   Last edited by: admin (1/31/24, 9:42 AM)
Resource type: Journal Article
BibTeX citation key: Badolamenti2015
View all bibliographic details
Categories: Infermieristica specialistica, Management
Subcategories: Complessità assistenziale, Infermieristica in ostetricia e ginecologia
Keywords: Parto
Creators: Badolamenti, Borghesi
Publisher:
Collection: Infermiere Oggi
Views: 20/415
Attachments  
Abstract
(Trascritto dall’articolo).La nascita di un bambino è un evento che incide profondamente nella vita concreta, emotiva, e relazionale della donna, ma, purtroppo esistono situazioni, e condizioni, in cui lei non riesce ad accogliere la maternità in modo sereno e a sviluppare un sentimento cosciente e responsabile. È questo il caso delle madri, cosiddette, “segrete”, ovvero i parti anonimi che si concludono con l’abbandono del neonato o con il suo mancato riconoscimento. I dati dimostrano che questo fenomeno, in Italia, è in crescente aumento e che gli operatori sanitari, sia a livello territoriale che ospedaliero, sono coinvolti in primo piano. Questo articolo esplora come, in tali situazioni, sia possibile individuare diversi livelli di azione, in diversi momenti della situazione, con ruolo specifico per ogni professionista sanitario. Tutti i professionisti sanitari sono, dunque, coinvolti, a vario titolo, in tutti i livelli di intervento; hanno l’obiettivo di monitorare i comportamenti in termini medici, legali, deontologici e di assistenza sanitaria, nonché promuovere buone pratiche, protocolli di intervento e percorsi di rete.
  
WIKINDX 6.7.0 | Total resources: 8010 | Username: -- | Bibliography: WIKINDX Master Bibliography | Style: British Medical Journal (BMJ)